Articoli

Editoria contemporanea: business digitale o cartaceo?

L’editoria contemporanea è caratterizzata da moltissimi lati business della comunicazione. Con l’avvento dell’era digitale i supporti si sono moltiplicati esponenzialmente, e anche l’editoria si è dovuta adattare. Schermi grandi, piccoli, 4:3 o 16/9, i telefoni e i tablet, chi li usa in verticale e chi in orizzontale, Kindle in crisi, e via discorrendo.

Cosa ha comportato realmente questo progressivo ma violento inserimento tecnologico in un settore, almeno in Italia, considerato ancora quasi totalmente analogico? Avevamo già aperto una parentesi parlando del design di copertina in questo articolo, e delle problematiche che i designer erano stati chiamati ad affrontare, ma le complicanze non si fermano.

Le nostre parole si basano su esperienze professionali dirette e ricerche nel settore, se avete informazioni da aggiungere, che possano completare quanto descritto, vi invitiamo a commentare il relativo post su Facebook, o semplicemente lasciare un post con il quale aprire un fruttuoso dibattito.

editoria contemporanea lettura nel mondo westville news

Business editoriale

Parliamo di case editrici minori, dato che la nostra esperienza esula dai grandi colossi dell’editoria italiana. Il formato digitale viene spesso proposto agli autori esordienti, ma quasi mai è un’opzione obbligatoria, consigliata o incentivata. I contratti editoriali standard prevedono quasi sempre una parte aggiuntiva e separata in merito alla pubblicazione digitale. Come mai? Molte piccole case editrici nemmeno danno la possibilità di affrontare la pubblicazione digitale, e qualcuno si chiede: è plausibile nel 2017 non considerare questo tipo di lato dell’editoria contemporanea?

Numeri

Per capire appieno questa tendenza dobbiamo leggere i numeri e cercare di comprendere l’andamento del business. Ovviamente non possiamo permetterci di affrontare un’analisi del mercato, pertanto sarà fondamentale andare alla ricerca di dati reali, realistici e tangibili, al fine di farci un’idea sulle tendenze del mercato editoriale future.

editoria contemporanea tablet kindle ebook romanzo westville

Stati Uniti e resto del mondo

Parliamo di States, dove è ambientato Westville, e del resto del mondo.

Attualmente gli Stati Uniti sono alla posizione numero 23 per ore di lettura spese durante la settimana dai consumatori di libri, una posizione sopra noi italiani, che mediamente ci dilettiamo nella lettura appena 5 ore e 36 minuti sui 7 giorni. I paesi asiatici, soprattutto del sud-est, danno prova di essere i maggior consumatori di libri, con paesi come India, Thailandia, China e Filippine, dove le ore settimanali dedicate alla lettura sono mediamente alte, dalle 7 alle 11 ore. Sei paesi europei alle prime posizioni, nelle quali troviamo Repubblica Ceca, Russia e Svezia. I dati sono raccolti nella NOP World Culture Score, una ricerca che si occupa di valutare la cultura e il grado di interessamento alla stessa in tutto il mondo. Qui la pagina ufficiale, dove sono presenti anche altri dati relativi alle ore spese nella lettura su internet, o a guardare la tv.

Ci teniamo però a precisare che questo dato non indica il grado di cultura distribuito nei suddetti paesi. Infatti un articolo contemporaneo del The Guardian ha mostrato i risultati di una ricerca inglese sui paesi con il maggior grado di cultura. Lo scopo della ricerca è quella di valutare i paesi in cui vengono maggiormente valorizzate le attività culturali legate all’istruzione e all’insegnamento. I paesi nordici, capitanati da Finlandia, Norvegia e Islanda, hanno dimostrato di voler investire sulla cultura più di chiunque altro. L’Italia non compare nelle prime dieci posizioni.

Editoria contemporanea: digitale o cartacea?

Abbiamo quindi un quadro esaustivo sull’interessamento letterario del mondo, ma è realistico? Basti pensare che i più grandi scrittori contemporanei, e il più imponente business letterario, vengono dallo stesso paese di lettori che spendono appena 5 ore a settimana circa nella lettura. A questo punto ci domandiamo: il vero business è digitale o cartaceo? Il motivo di quest’indagine risiede nella curiosità di capire se l’editoria, e soprattutto il pubblico, ritengono la lettura un’intrattenimento moderno, o se questo viene rilegato in quei passatempi datati, destinati a scomparire con il passaggio delle generazioni.

Torniamo nel nostro Bel Paese. Secondo un’indagine ISTAT del 2015, la più recente recuperabile, appena l’8,2% della popolazione italiana legge libri su supporti digitali. Anche negli States non troviamo cifre più rincuoranti, con poco più del 20%, calato del 50% circa rispetto l’anno precedente, secondo il New York Times, il business dell’e-book non si può considerare solido.

presentare un romanzo Westville news comunicazione mockup

Bisogna spaventarsi?

Ci sono i fermi sostenitori della carta stampata, una tradizione che, secondo alcuni, non può e non deve morire, mentre altri si sono totalmente scostati del libro tradizionale preferendo il supporto digitale. Quindi l’editoria contemporanea da chi viene rappresentata?

Attualmente i numeri parlano chiaro, vedendo il cartaceo ancora come mezzo di lettura preferito dalla maggior parte dei lettori. Westville è uscito in digitale da pochissimo (qui), e speriamo di farci presto un’idea sulle preferenze dei nostri lettori. La nostra opinione è ancora incerta, e rispecchia molto le pagine del nostro romanzo: subiamo il fascino della tradizione, del rapporto analogico nei confronti della vita, ma non siamo insensibili alle tematiche ambientali e tecnologiche.

Recensioni, valutazioni e commenti su Westville

Westville non è solo un romanzo, ma un universo espanso. Un mondo che vive indipendentemente dalla storia narrata nel nostro romanzo. Ma una cosa la possiamo dire con certezza. Alla base di Westville ci sono idee, desideri e volontà.
Non parlo prettamente delle idee alla base della storia, dei desideri di gloria e della volontà di scrivere un romanzo. Mi riferisco alle idee che vedono l’aggregazione tra scrittori (emergenti e non) e lettori, il desiderio che l’editoria italiana possa trovare nuova linfa dai veri giovani, quei tizi che, indipendentemente dalla loro età anagrafica, vogliono portare un po’ di innovazione e incontro, anziché scontro, staticità e banalità. Infine la volontà di creare questo scambio.
Potete leggere altro riguardo questo argomento qui.

Commenti su Westville, il nostro opinionismo è aperto a tutti

L’idea di scrivere questo articolo mi diverte parecchio. Specie dopo che mi è stata posta la domanda: “perché nel vostro blog non si possono commentare gli articoli?”
Vogliamo spiegare questa cosa per non essere fraintesi; è brutto pensare che due perfetti “nessuno” si credano così importanti da non lasciare spazio ai lettori di esprimersi. Di persone, professionisti e artisti superbi e boriosi ce ne sono fin troppi in questo paese, e noi che siamo esordienti non abbiamo alcuna intenzione di percorrere quei passi, anzi!

Il nostro scopo principale è quello di generare uno scambio di informazioni e opinioni, come spiegato poco fa, per creare un piccolo e umile punto di incontro tra lettori, scrittori e appassionati, che sia moderno e al passo coi tempi, dove ognuno possa contribuire secondo le proprie capacità e potenzialità. Quale’è la nostra convinzione? Non crediamo che il blog sia il posto giusto per questo tipo di attività. Questo sito web nasce come scusa che ci permette di poter scrivere un articolo, anche lungo, creando un archivio di tutto quello che ha ruotato intorno allo zenit del progetto Westville, dai suoi albori, al futuro più ignoto. Per questo motivo abbiamo deciso di convogliare tutta la comunicazione (voi-noi; noi-voi; voi-voi) sulla pagina Facebook di Westville .

Facebook, Recensioni, Valutazioni e ancora Commenti

Siamo davvero molto attivi sul social network più longevo di sempre, e potremmo esserlo anche di più… ma questo dipende dalla risposta di chi con passione ci segue assiduamente. Postiamo e ri-postiamo regolarmente i nostri articoli sulla pagina FB, e invogliamo i lettori a esprimere il loro pensiero in quel frangente. Da un punto di vista tecnico è meno pesante. Vi evitiamo di dovervi iscrivere al nostro blog per poter dire la vostra: l’ennesima utenza in un mondo digitale fatto di account e password dimenticate di continuo.

Ovviamente per noi è importante avere un quadro generale sul nostro operato, quindi vi inviteremo sempre a recensire il nostro romanzo con la quantità di stelle che ritenete giusto, senza chiedere favori o piaceri vari. Inoltre è estremamente gradito un commento a riguardo. Accettiamo anche una stella, ma ci piacerebbe sapere il perché, e come avete maturato questa opinione durante la lettura del libro. I vostri commenti per noi sono estremamente preziosi, comprese le opinioni in risposta ai nostri articoli.

Quindi, è vero che qui non è possibile commentare e esprimere la vostra opinione, ma siete invitati caldamente a farlo sulla pagina Facebook, e ci piacerebbe sentire tanti pareri di diversa natura.

Per ora, grazie a tutti per l’interesse che avete dimostrato in questo progetto.


Potete acquistare Westville…

Alla Libreria Nuova Terra di Legnano, come scritto in questo articolo. Inoltre potete acquistare Westville su tutti i circuiti della carta stampata, da Amazon a Mondadori, da IBS a Webster e Libreria Universitaria, da Feltrinelli a SBC Edizioni.


[vc_row][vc_column width=”1/4″][trx_image url=”2476″][/vc_column][vc_column width=”1/4″][trx_image url=”2479″][/vc_column][vc_column width=”1/4″][trx_image url=”2478″][/vc_column][vc_column width=”1/4″][trx_image url=”2477″][/vc_column][/vc_row]